Canzoni alpine

Un tempo tutti i figli delle Alpi erano Alpini e nella dura vita di montagna o in guerra avevano per compagni oltre ai muli, agli scarponi, allo zaino con dentro un po' di polenta dura, formaggio e una bottiglia di vino, anche le loro canzoni. Canzoni fatte di parole semplici ma immediate che rispecchiano il carattere ed il realismo di quella gente. I testi riportano emozioni forti ma contenute, provate per quello che conta nella vita: la casa, l'amore, la gioia, i compagni, la natura, la fatica, la sofferenza, la morte, raccontate a volte con un po' di fatalismo, a volte con lieve ironia, ma sempre con dignità. I canti valdostani e piemontesi sono più solenni perché più imponenti le loro montagne, quelli lombardi,trentini e veneti più fantasiosi e vari mentre in quelli friulani si alternano l'allegria e la malinconia tipiche dell' anima di questa terra e in quelli abruzzesi rivive il fascino dei canti antichi. Cantare era in quel tempo una delle poche consolazioni per la gente che lo faceva spontaneamente, insieme durante il lavoro, magari per chiudere in letizia una giornata o ai pranzi di nozze e alla domenica in osteria davanti ad un litro di vino, in allegra compagnia per dimenticare una settimana di fatiche. Sono così nate ballate, canzoni nostalgiche, d'amore, di guerra, di emigrazione, dal genuino umore popolare che danno la perfetta corrispondenza tra il carattere del canto e l'ambiente ed il sentimento che lo hanno creato. Ascoltando qualche gruppo corale che ce le ripropone, oltre alla musicalità, seguiamo con attenzione anche le parole con la loro grande forza evocativa. In questo periodo di incertezze dove tutto viene rivisto e fiumi di immagini e parole inutili ci sommergono, riflettiamo su questi testi che ci possono ancora comunicare qualcosa.







CANZONI DI GUERRA


Monte Nero

Spunta l'alba del quindici giugno
comincia il fuoco l'artiglieria
il terzo Alpini sulla via
Monte Nero a conquistar

Monte Nero, Monte Rosso,
traditor della vita mia
ho lasciato la mamma mia
per venirti a conquistar

Per venirti a conquistare
ho perduto tanti compagni
tutti giovani sui vent'anni
la sua vita non torna pi.
Sian prigionieri

Sian prigionieri,
sian prigionieri di guerra
sian sull'ingrata tera
del suolo Siberian

Sian sui pajoni
sian sui pajoni di legno
di pulzi quasi un regno
e di pici ancor

Ma quande, ma quande
la pace si far
ritorneremo contenti
ove la mama sta
La penna dell' Alpino

Bersagliere ha cento penne
ma l'Alpino ne ha una sola
un po' pi lunga, un po' pi mora
sol l'Alpin la pu portar

Quando scende la notte bruna
tutti dormono nella pieve
ma con la faccia dentro la neve
sol l'Alpin non pu dormir
Vinassa, Vinassa

L nella valle, c' un osteria
l'allegria, l'allegria
l nella valle, c' un osteria
l'allegria di noi alpin

E se son pallida n miei colori
no vo' dotori, no vo' dotori
e se son pallida come na strassa
vinassa, vinassa e fiaschi de vin
Era una notte che pioveva

Era una notte che pioveva
e che tirava un forte vento,
immaginatevi che grande tormento
per un alpin che sta a vegliar

A mezzanotte arriva il cambio
accompagnato dal capoposto
"O sentinella, ritorna al tuo posto
sotto la tenda a riposar!"

Quando fui stato nella mia tenda
sentii un rumore gi per la valle
sentivo l'acqua gi per le spalle,
sentivo i sassi a rotolar.

Mentre dormivo sotto la tenda
sognavo d'esser colla mia bella
e invece ero di sentinella
fare la guardia allo stranier
Tapun

Ho lasciato la mamma mia
l'ho lasciata per fare il sold
tapun, tapun, tapun,
tapun, tapun, tapun

Quando portano la pagnotta
il cecchino comincia a sparar
tapun, tapun, tapun,
tapun, tapun, tapun

E domani si andr all' assalto
soldatino non farti ammazzar
tapun, tapun, tapun,
tapun, tapun, tapun

Nella valle c' un Cimitero
Cimitero dei nostri sold
tapun, tapun, tapun
tapun, tapun, tapun
Monte Canino

Non ti ricordi, quel mese d'Aprile
quel lungo treno che andava al confine,
che trasportavano migliaia degli alpini
su, correte, l'ora di partir

Dopo due giorni di strada ferrata
e altri due di lungo cammino
siamo arrivati sul Monte Canino
e al ciel seren ci tocca riposar

Se avete fame guardate lontano
se avete sete la tazza alla mano
se avete sete la tazza alla mano
che ci rinfresca la neve ci sar






CANZONI D'AMORE


Il Tuo Fazzolettino

Dammi, o bello, il tuo fazzolettino
vado alla fonte, lo voglio lavar

Te lo lavo con l'acqua e sapone
ogni macchietta un bacino d'amor

Te lo stendo su un ramo di rose,
il vento d'amore lo deve asciugar

Te lo stiro col ferro a vapore
per comparire una palma di fior

Te lo porto di sabato sera
di nascosto di mamma e pap

C' chi dice l'amor non bello
certo quello l'amor non sa far
Se te toco, ci

Se te toco, ci
le to manine 'nt'el canton
lo dires-tu al tuo pap
incanton?

Se te vardo, ci
i oceti neri'nt'el canton
lo dires-tu al tuo pap
incanton?

Se te baso, ci
la bocca bella 'nt'el canton
lo dires-tu al tuo pap
incanton?

Ses-tu mato, ci,
che mi ghe diga al me pap
che contenta mi sono rest
incanton?
E salta for so pare

E slta fr so pare
forte come 'n leon,
el gh'ha ciap la tosa
el gh'ha cav 'l cocon

Par..che,inveze d'andar
a la benedizion
l'i nada a Porta Genova
a balar coi marangon

Ah,l' bell Ah, l' bon !
Ah, l' san come 'n corl:
viva la machineta
del giazo artificial
Quatro cavai che trotano

Quatro cavai che trotano
soto la timonla
vuoi tu venir, mia bella,
sulla riva del mar


In riva al mar si pescano
si pescan le sardelle
tu sei una di quelle
ch'io vorrei pescar
E l'alegrie 'a' dai zovins

E l'alegrie 'a' dai zovins,
N dai vcios maridz.

Le n piardde lant a messe,
In ch d che son sposz.
La sposa morta

Gentil galan su l'aute montagne
l' sent le ciche sun:
"saralo forse la mia spuseta
ch' i la prt suter"

Gentil galan l' riv a casa
l'ha truv la porta sar
l'ha domand a le sue visine
" La mia spuseta dove l' and?"
Tanti ghe n'

Tanti ghe n' de sti bei giovinoti
che i gh' le braghe rte sui ginoci

Rte va ben, ma le farem giustare
gh'avemo i soldi 'n testa per pagare

Tanti ghe n' de poco i se contenta,
che i va da la morosa e i se 'ndormenta.

I se'ndormenta miga par dormire
ma perch l no i sa p cossa dire.

Tanti ghe n' che i no sa 'verzer boca
e i va da la morosa e i se'mbarloca
El canto della sposa

La casa del mio ben l' tuta sassi:
a mi che devo andar, me par palazzi

La casa del mio ben l' tuta spini
e mi che devo andar, me par cossini

La casa del mio ben l' tut tearine
e mi che devo andar, me par coltrine
La smortina

Tuti dicon che sono smortina,
ma l'amor el mi rovina;
quando poi sar sposina,
i miei colori ritorneranno

L'altra sera mi sono sognata
di trovarmi a te vicino
con la testa sul tuo cuscino
e mi giravo di qua e di l
Varda la luna

Varda la luna
come la camina;
la passa i monti,
il lago e la marina

Oi cara mamma
mi vago a prender l'acqua
l c' il mio amore
che a la fontana aspetta
Sul ponte di Bassano

Sul ponte di Bassano
noi ci darem la mano
noi ci darem la mano
ed un bacin d'amor

Per un bacin d'amore
succedon tanti guai
non lo credevo mai
doverti abbandonar

Doverti abbandonare
volerti tanto bene
quel mazzo di catene
che m'incatena il cuor

Che m'incatena il cuore
che' m'incatena i fianchi
io lascio tutti quanti
non mi marito pi
Quel mazzolin di fiori

Quel mazzolin di fiori
che vien dalla montagna
e guarda ben che no'l se bagna
ch lo voglio regalar

Lo voglio regalare
perch l' un bel mazzetto
lo voglio dare al mio moretto
questa sera quando 'l vien

'stasera quando viene
gli f 'na brutta cera,
e perch sabato di sera
ei no l' vegn da me.
Vola-vola-vola

Vulesse a''rven pe n'ora sola
lu tempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijjavm' a "vola vola"
e ti cupr di vasce e di carezze

E vola vola vola
e vola lu pavone
si tie' lu core bone
mo fammec-i.arpruv.

Na vote, pe spegna' lu fazzulette,
se' state cundannate di vasciarte,
Tu ti sci fatte rosce e mi sc dette
di' nginucchiarme prime e d'abbracciarte

E vola, vola, vola
vola la ciamarelle;
per n'ora cusc belle
m'lesse prufunn

Come il fiure nasce a primavere
l'amore nasce da la cittelanze
Mar, si mi vuo' bene accme jere,
nen mi luv stu sonne e sta speranze.

E vola vola vola
e vola lu cardille;
nu nasce a pizzichille
ne' mme le puu' neg.






CANZONI DI MONTAGNA


La Paganella

" Vora vder el Trentin
da 'na vista propri bela "
" No sta' perder massa temp
e va' su la Paganela "

" Cossa l'sta Paganela "
" Ma no sat cossa che l'?
L' la zima la p bela,
de p bele no ghe n'

Tote 'nsema 'na putela
e 'na bozza de bon vin,
par goder la Paganela
e la vista del Trentin.
Les Montagnards

Montagnes de ma valle
vous tes mes amours
Cabanes fortunes
Vous me plairez toujours.
Rien n'est si beau que ma Patrie
rien n'est si doux que mon amie
oh montagnards
oh montagnards
Chantez en choeur
Chantez en choeur
de mon pays
la paix et le bonheur
Stelutis alpinis

Se tu vens c s ta'cretis
L che lor mi n sotert
Al un splz pien di stelutis
Dal mi sanc l' stt bagnt.

Par segnl une crosute
J scolpide l tal cret
Fra chs stelis ns l'arbute,
St di lor jo duar cuit

Ciol s, ciol une stelute :
je 'a ricuarde il nestri ben.
Tu i dars 'ne bussadute,
e po pltile tal sen

Quant che a ciase tu ss sole
e di cur tu preis par m
il mi spirt atr ti svole:
jo e la stele sin cun t
 






CANZONI DI EMIGRANTI


Al cjante il gjal

Al cjante il gial
al criche il d

Mand, ninine
mi tocje part
L' ben ver che mi slontani

L' ben ver che mi slontani
dal pais ma no dal cr
sta pur salde tu, ninine
che j torni se no mr.

Montagnutis ribassaisi,
fit un fregul di splendr,
che ti viodi ncje une volte,
bambinute dal Signr
Canto del Minatore

E la mia mamma
sempre me lo diceva
di star lontano
dalla miniera.

Ma mi, testardo,
sempre ci sono andato,
fin che la mina
mi ha rovinato

O Santa Barbara
prega pei minatori,
sempre in periglio
de la lor vita.
L' Emigrant

Un dolor dal cur mi ven
dut j devi abandon
pari e mame e ogni ben
e pal mont mi toce l


Za j vit lis lagrimutis
di chel agnul a spont
e a spont,
e bussnt lis ss manutis
j i dis: " Mi toce l "
O mamma mia dammi cento lire

O mamma mia dammi cento lire
e che in America volio andar

E cento lire io te le do
ma in America no poi no

I suoi fratelli da la finestra
o mamma mia lasela andar

Lasela andar che l' tanto bela
che el re di Spagna la vol sposar

Quando l' stato in mezo al mare
el bastimento se sprofond

El bastimento fondo fondo
mai pi al mondo ritorner

I miei capelli son rici e beli
l'acqua del mare li marcir

E le parole dei miei frateli
son state quele che m'han trad
Canto dell' Emigrante

Dall' Italia noi siamo partiti
siamo partiti col nostro onore
trenta giorni di macchina a vapore
e in America noi siamo arriv

E l in Merica che siamo arrivati
no abian trovato n palia n fieno
abian dormito sul nudo terreno
come le bestie abian ripos

E l'America l' lunga e l' larga
e circondata da monti e da piani
e con l'industria dei nostri Italiani
abian fondato paesi e citt.